Vai al contenuto

Tutto cambia

Il corniolo che vedo dalla finestra, in questa stagione è decisamente triste: spogliato del suo verde e senza un fiore. Qualche mese fa, in un sussulto di ultima vita, mentre alcune foglie già si accartocciavano e cadevano a terra, altre brillavano ancora di giallo e di rosso. Oggi 10 dicembre ha un aspetto scheletrico, i due tronchi principali e i molti rami sono di un colore indefinibile. Lo guardo ed è come se non lo vedessi, vedo attraverso di lui, come se fosse trasparente. A pochi metri da lui una maestosa camelia che lo supera in altezza sfoggia le sue lussureggianti foglie color verde scuro e nonostante non piova da molto tempo sono particolarmente lucide in contrasto col grigiore che le sta intorno, è talmente in forma che le estremità dei suoi rami sono colmi di boccioli, a gruppi di due o di tre, alcuni piccoli, altri già gonfi di primavere. Lì fuori, in questi giorni si è abbassata la temperatura, i passerotti cercano nel prato qualche briciola di pane che si contendono con qualche cinciallegra, la gatta s’aggira guardinga alla ricerca di qualche topino di montagna, il pettirosso, che è una nostra vecchia conoscenza, staziona beccando sotto la camelia, pensiamo che tra i suoi rami, questa primavere, abbia messo su casa, forte del fatto che ha a sua disposizione, appesa ai rami, la fornitura gratuita di una palla di grasso mista a semi. E’ prevista neve per domani, abbiamo il nostro daffare: accatastare al massimo la legna sotto la tettoia vicino casa, mettere a portata di mano la pala da neve, gli scarponi, il sacco del sale nell’eventualità di gelate, controllare il generatore di corrente, se andasse via la corrente(capita spesso), le cerate, se la nevicata si presentasse particolarmente bagnata. Il vento dei giorni scorsi ha scombinato i teli antigelo, anche quelli andranno sistemati prima di domani. Sembra tutto sotto controllo, non ci resta che attendere. Il pettirosso scaccia prepotentemente una cinciallegra che vorrebbe approfittare di qualche briciola di grasso caduta sotto la camelia. La scena mi lascia amareggiata e penso al sacchetto con altre 10 palline che sono nel sottoscala. Fuori è già buio e non avrei più voglia di uscire così ci pensa Enrico e in men che non si dica aggancia sui diversi rami le dieci palle. La scena è ancora più triste e sembra non succedere nulla. Lunedi 11 dicembre, il silenzio è totale e lo è anche il bianco intorno a noi, il cielo cupo e grigio lascia cadere fiocchi di neve.

Tutto cambia. Il corniolo oggi è affascinante, maestoso, i suoi rami sono carichi di bianco e nella parte finale di ognuno di loro, dove la ramificazione è più sottile e si apre a ventaglio, la neve è sorretta elegantemente da quella che sembra una mano aperta a coppa. E’ bellissimo

Tutto cambia. La camelia oggi ha piegato alcuni suoi rami creando al suo interno dei vuoti innaturali, accumuli di neve qua e là la scompongono, le tolgono la forza della sua compattezza. E’ disarmonica, goffa, mi fa un po pena. Esco per liberarla dal peso della neve e faccio lo stesso con il corniolo per evitare che si spezzino i rami. E’ un susseguirsi di tonfi di neve a catena, di rami che si rialzano di colpo colpendone altri che a loro volta si liberano sussultando e… le palline di grasso sul corniolo ballano, sono avvolte in una retina verde che è lunica nota colorata nel giardino. Ma nel giro di 2 ore tutto cambierà. Il sole avvia il miracolo: le cinciallegre, colorate di giallo con striature di nero prendono d’assalto le palline sul corniolo, prima una decina, poi alltre, poi altre ancora, volano da un ramo all’altro, si agganciano con le zampette alla retina verde, beccano per pochi secondi, due per pallina e poi volano via di scatto virando in ogni direzione. Altre cinciallegre effettuano manovre di avvicinamento, le più veloci prenderanno il loro posto. Un volo incessante che non si riesce a seguire. I passerotti comuni s’infilano sotto l’azalea dove la neve non ha attecchito e lì becchettano veloci ciò che è caduto dalle palle. Il pettirosso questa volta in minoranza viene scacciato ma rimedia qualcosa con i passerotti che non lo degnano di uno sguardo.

Tutto si  muove. E’ tutto un fremito, un cinguettio, un frullare d’ali e i rami sobbalzano al loro ritmo. Dietro la finestra di casa siamo immobili ed estasiati. Vorrei scattare una foto ma l’inquadratura migliore è contro luce, e quando esco restano pochi passerotti. La sinfonia riprenderà poco dopo essere rientrata. Il cerchio di uccellini si allarga: sono sulla balaustra del balcone, volano dal corniolo alla camelia, si allontanano veloci per poi ritornare, uno finisce contro il vetro, altri puntano diritti sul tetto. Lei è l’unica ad essere Immobile, con la testa protesa verso l’ alto attentissima, osserva paziente, poi lo scatto felino e… una piccola cinciallegra che si era posata a terra finisce nella sue fauci.

Tutto cambia, tutto si muove. Ma la scrittura mi aiuterà anche questa volta a fermare con le parole l’immagine di cinciallegre dal petto giallo con una riga nera che prendono d’assalto il corniolo con le palline verdi. Ma sopratutto  mi ricorderà che tutto cambia.

14 pensieri su “Tutto cambia

  1. Graziella

    Carissima come promesso ho letto il tuo racconto .come sempre sai esprimere con semplicità anche i sentimenti più profondi…Ti ammiro con affetto Graziella

  2. Lella

    Carissima Graziella, “tutto cambia” ci riguarda tutti visto il nostro lungo vissuto: intenso, burrascoso, gratificante, proficuo,felice.
    Purtroppo alcuni cambiamenti sono atroci.
    Sono certa che sarai l’artefice di uno cambiamento all’altezza della tua vivacità. Con affetto

  3. Lella

    Ho ricevuto via e-mail questo commento del pittore Sergio Orlando e lo pubblico con il suo permesso sul blog.

    Cara Lella, sono rimasto colpito dalla vivacita’ piacevolissima del tuo racconto e dalla tua capacita’ di descrivere il mondo che hai davanti casa. Sei anche Moderna e sintetica nel creare atmosfere e riesci persino a far sentire “climaticamente” le
    bizzarrie del tempo con i suoi repentini cambiamenti! Anche le piante e i fiori che descrivi e i tanti uccellini sembra di vederli come in un film di cartoni animati girato da un grande regista del genere. Hai detto tanto e con sapienza di questo ” piccolo mondo” 
    che ogni mattino, aprendo la finestra, da’ felicita’ al tuo sguardo e creativita’ al tuo indiscutibile  talento letterario. Complimenti, Sergio

  4. Lella

    Ciao Sergio, il tuo sguardo sul racconto è proprio quello di un pittore. Minuzioso e preciso. Non ti è sfuggito nulla.
    Ti ringrazio infinitamente e… ti risponderò anche via e-mail come piace a te. Un caro saluto

  5. Monica

    Ciao Lella, ammiro la tua bravura a tradurre in parole le sensazioni che si provano osservando anche semplici cose. Sono contenta di averti incontrata!

  6. Lella

    Ciao Monica, ben venuta sul blog, grazie per quello che scrivi e stanne certa, il nostro incontro ha fatto molto piacere anche a me!
    In questo breve scritto le emozioni suscitate da un cambiamento climatico, mi hanno fatto pensate a quanto tutto sia mutevole, lo so, è banale ma saperlo non sempre garantisce l’averlo capito. La natura ce lo ricorda in continuazione.
    Spero di condividere con te altre letture.

  7. Maria Teresa

    Bello! Dimostri un grande amore per la natura, una particolare attenzione e capacità di osservazione ed anche una notevole immaginazione nel proiettare sulla natura sentimenti quasi umani…. Guarda caso a Natale facevo ad alta voce questa osservazione: non è il caso di fissarsi troppo con la mente ed il cuore sulle situazioni negative in cui incappiamo continuamente perchè niente è fermo ed immobile! La vita ci sorprende sempre! Confidiamo perciò nel cambiamento.
    Buon Anno!!

  8. Simona

    Ciao Lella.
    grazie al tuo sguardo attento e gentile sulle cose una scena di ordinaria normalità si trasforma in un piccolo spettacolo straordinario in cui tutto si svolge secondo una coreografia precisa, gioiosa e drammatica. Come sempre la tua scrittura mi coinvolge.

  9. Lella

    Grazie Simona, il coinvolgimento è il termine esatto per cui ho descritto quello che vedevo dalla finestra. Coinvolta fino in fondo, quando non ho potuto fare a meno di pensare a come: “Tutto cambia”. Un abbraccio

  10. Cristina

    Ciao Lella, era molto che cercavo le parole giuste per sentirmi all’altezza di lasciarti un commento: il racconto è davvero molto bello e questo posto lo conosco.. proprio come conosco i suoni e colori che menzioni.. sei riuscita a spiegarli anche a chi non puo’ nè vederli nè sentirli, un vero spettacolo. A presto! Cristina

  11. Lella

    Ciao Cristina, ben venuta sul blog, sei stata proprio brava, il tuo commento è in sintesi il mio desiderio di condividere con voi le emozioni che provo immersa nel verde.
    La natura è una grande maestra e la sua scuola è aperta a tutti, anche se le sue aule sono sempre più piccole, grige e ingombre di arredi.
    Mi pare però che sempre più persone apprezzino il verde che richiede comunque: rispetto, attenzione e fatica.
    Un abbraccio

  12. Patrizia

    Anche in questa lettura ho trovato molti insegnamenti.
    La natura ci insegna molto… ci insegna che ogni tempo ha la sua stagione, e che ogni stagione non ci deve cogliere impreparati.
    E’ lo specchio della vita … ce l’abbiamo sempre davanti agli occhi, ma forse per questo troppo scontata per fermarsi a coglierne i particolari.
    L’attesa, la sopraffazione, la quiete, la purezza della neve che tanta magia rimanda ai nostri occhi, la luce del sole che a secondo delle ore, crea ombre o mette in risalto particolari.
    Sta tutto li … basta osservare .. così come dovremmo fare con la nostra vita, coglierne le sfumature, i particolari, le sofferenze, ma anche e soprattutto le gioie con gratitudine e meraviglia.
    Ciao Lella!

  13. Lella Mascia Leoni

    Ciao Patrizia, alcune volte è difficile, per lo meno per me, accettare i cambiamenti. Nelle consuetudini ci si rifugia con infinita fiducia. Non è la prima volta che mi capita che…scrivendo emerga un nocciolo duro. Un racconto bucolico ha prodotto in me delle riflessioni, tanto da rivedere il testo e cambiargli titolo.
    Ti ringrazio per il commento e per la tua positività. Un abbraccio

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.